I volumi di Raffaello De Rensis presentati all’Auditorium Parco della Musica di Roma

Il prossimo giovedì, 23 marzo, a partire dalle 17:30 presso la splendida cornice del Museo degli strumenti musicali all’interno dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, si terrà l’evento di presentazione dei due volumi scritti dall’autore Raffaello De Rensis, Franco Faccio – Arte, scapigliatura, patriottismo e Francesco Cilea, entrambi editi da NeoClassica con il patrocinio dell’Istituto Italiano per la Storia della Musica e della Fondazione Tito e Tilde Gobbi onlus. Il primo fondato proprio da De Rensis nel 1938 con lo scopo di diffondere e valorizzare la musica “antica” italiana, di promuovere progetti di ricerca, edizioni critiche di testi musicali, soprattutto di compositori italiani, e pubblicazioni di documenti storico-musicali. La seconda, fondata nel 2003 a Roma in memoria del baritono Tito Gobbi, ha lo scopo di favorire il progresso e la diffusione della cultura musicale-operistica nel nostro paese.

Gli editori di NeoClassica hanno espresso tutta la propria soddisfazione per questo appuntamento:

“Siamo veramente felici e orgogliosi di essere riusciti a riportare alla luce queste preziosissime testimonianze sulla musica e sull’arte di Otto-Novecento. Raffaello De Rensis, purtroppo a lungo dimenticato, tratteggia con grande intelligenza e lucidità le figure di due artisti imprescindibili per l’arte e la musica di quell’epoca. Da una parte Franco Faccio, direttore d’orchestra alla Scala per lunghi anni, dall’altra Francesco Cilea, ottimo compositore, noto soprattutto per la sua Adriana Lecouvreur. Il recupero di queste tre figure – De Rensis compreso – non sarebbe comunque stato possibile senza l’aiuto di Cecilia Gobbi, sua erede e appartenente a una famiglia musicalissima, e il supporto dell’Istituto italiano per la storia della musica, fondato da De Rensis stesso e attualmente nelle ottime mani del presidente Agostino Ziino

L’evento sarà gratuito e aperto a tutti gli appassionati di musica classica e storia della musica, ai curiosi, studiosi, professionisti e neofiti.

I Relatori presenti saranno:

  • Michele Dall’Ongaro, presidente-sovrintendente dell’Accademia di Santa Cecilia, musicologo e compositore;
  • Agostino Ziino, presidente dell’Istituto italiano per la storia della musica (IISM), musicologo;
  • Cecilia Gobbi, presidente della Fondazione Tito e Tilde Gobbi Onlus ed erede di Raffaello De Rensis;
  • Guido Salvetti, musicologo e pianista;
  • Antonio Rostagno, musicologo e pianista e tra gli autori presenti nel nostro catalogo;
  • Johannes Streicher, musicologo.

 

L’autore

Raffaello De Rensis è stato musicologo e critico musicale. Nato a Campobasso nel novembre del 1880, è considerato ancora oggi uno dei più importanti testimoni della vita musicale italiana nella prima metà del Novecento, conseguì la laurea in giurisprudenza ma rinunciò sin da subito alla carriera forense per dedicarsi all’unica attività che lo appassionava davvero, quella di letterato e musicologo. Diresse il settimanale Musica, al quale collaborarono, tra i tanti, Giannotto Bastianelli, Vittorio Gui, Gian Francesco Malipiero e Ildebrando Pizzetti. Fra i primi studiosi di Arrigo Boito, profondo conoscitore della musica italiana dal Cinquecento ai suoi giorni (suo fu il progetto dell’opera omnia di Palestrina, tra i compositori più significativi del Rinascimento europeo), amico intimo di Ermanno Wolf-Ferrari e di molti dei maggiori compositori dell’epoca, De Rensis fu tra i fondatori della Associazione dei musicologi italiani e fu critico musicale per Il Messaggero e il Giornale d’Italia. La figlia Tilde sposò il baritono Tito Gobbi.

 

Il museo

Il Museo degli strumenti musicali dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia raccoglie più di cinquecento pezzi tra strumenti, accessori, oggetti e cimeli che testimoniano diverse culture musicali: cinque secoli di storia fra Europa, Asia e Africa, musica colta – antica e moderna – musiche popolari italiane, musiche etniche extraeuropee. L’ingresso al museo è gratuito.

 

 

Torna alle News