NeoClassica al XXI Colloquio di Musicologia del Saggiatore musicale

L’Università di Bologna, l’Alma Mater, ovvero la prima università del mondo occidentale, ha ospitato come ogni anno il Colloquio di Musicologia del Saggiatore musicale, giunto ormai alla XXI edizione. Durante queste tre giornate intense e stimolanti la casa editrice NeoClassica ha avuto la possibilità di presentare il suo intero catalogo in uno stand espositivo, accanto ad altre case editrici illustri quali Olschki e Carocci.

Il Saggiatore musicale

L’associazione di musicologi Il Saggiatore musicale è stata costituita nel 1993 da Lorenzo Bianconi, Renato Di Benedetto, F. Alberto Gallo, Roberto Leydi e Antonio Serravezza come «libera istituzione culturale senza fine di lucro»: essa «si propone come scopo la promozione di iniziative culturali, editoriali, didattiche e formative nel campo della musicologia». Nell’ambito della divulgazione musicale e musicologica l’associazione, dal 1994, pubblica una rivista semestrale omonima.

 

Il programma del XXI Colloquio di Musicologia

Dal 17 al 19 novembre, presso i Laboratori delle Arti del Dipartimento delle Arti visive, performative e mediali dell’Università di Bologna, si è svolto il XXI Colloquio di Musicologia del Saggiatore musicale. Dopo i saluti istituzionali e una prolusione di Paolo Fabbri dal titolo I musicisti hanno diritto di vita? Se alla storiografia musicale servano i dati biografici, è iniziata la prima delle due Tavole rotonde, incentrata su uno degli argomenti più discussi del 2017, la Riforma Luterana, nel caso specifico contestualizzata nell’ambito prettamente musicale tra il 1517 e il 2017. La seconda Tavola rotonda, svoltasi nella giornata successiva, aveva come titolo Teatro musicale e neoclassicismo: modello o occasione?

Durante le tre giornate di studi si sono succedute, oltre alle due Tavole rotonde, una serie di relazioni libere presiedute da noti musicologi italiani e stranieri, nelle quali sono stati affrontati argomenti vari, dall’opera al madrigale, dalla musica sacra al secondo Novecento.

Il Colloquio si è concluso nella mattinata di domenica 19 novembre. Gli spunti di riflessione e di interesse scaturiti dalle numerose relazioni sono molti e di svariata natura. La ricerca musicale e musicologica si dimostra sempre attiva e fervente e noi di NeoClassica siamo particolarmente fieri di essere parte attiva in questo stimolante ambito culturale.

Torna alle News