Callas e Pavarotti. Due miti a confronto

Sono stati recentemente ricordati e omaggiati due tra i più significativi cantanti del Novecento: Maria Callas e Luciano Pavarotti, rispettivamente a quaranta e a dieci anni dalla scomparsa. Ciò che certamente accomuna questi due artisti intramontabili, oltre alle indiscusse doti vocali, è il loro essere diventate, ognuna a modo suo, due figure iconiche del mondo della musica e dell’arte in generale. Due veri e propri personaggi di fama mondiale, socialmente riconosciuti, amati, discussi, criticati e idolatrati da un pubblico non necessariamente “addetto ai lavori”.

Maria Callas, la “divina”

Maria Callas, colei che ha rivoluzionato il teatro musicale con la sua voce inimitabile e soprattutto con le sue indimenticabili interpretazioni. Le sue eroine non erano però meramente interpretate dall’artista greca, erano visceralmente da lei vissute. Questo suo essere “dramma” allo stato puro e la sua presenza imponente, sono state caratteristiche peculiari sia della Callas attrice che della Callas donna.  Scindere la vita artistica da quella privata di questa donna è praticamente impossibile. La sua storia d’amore con Aristotele Onassis e il conseguente abbandono da parte di lui hanno inevitabilmente prodotto un’aura drammatica e eroica intorno alla cantante, richiamando spesso alla memoria i tragici finali delle opere da lei interpretate e “vissute”.

Luciano Pavarotti, “Big Luciano”

Similmente, anche Luciano Pavarotti è diventato una figura iconica dei nostri tempi. Dotato di una voce pastosa e avvolgente, con uno squillo invidiabile e tra le più riconoscibili, Pavarotti ha segnato la storia dell’opera con il suo spiccatissimo gusto del fraseggio e una dizione perfetta. Dagli anni Novanta ha raggiunto un pubblico strabiliante grazie agli spettacoli benefici, in collaborazione con cantanti di fama mondiale quali Bono Vox degli U2, Céline Dion e moltissimi altri. Questo connubio tra musica pop e lirica ha sollevato alcune critiche ma allo stesso tempo ha creato un numero strabiliante di nuovi fan e ha veicolato, positivamente o negativamente non saremo noi a deciderlo, molte persone verso l’ascolto di una musica, la lirica, da loro non presa in considerazione fino a quel momento.

In conclusione, che la fama di questi due magnifici artisti sia dovuta anche a fattori non solamente inerenti alle loro doti vocali e artistiche è un dato di fatto. Oltre a due timbri vocali unici e a un’espressività spiccata, queste due figure sono riuscite a conquistare il grande pubblico anche con il loro essere uomo e donna, con le loro personalità, diventando di fatto due icone intramontabili e indimenticabili.

Torna alle News