Mozart compie 261 anni

Nella classifica annuale della celebre rivista statunitense Billboard, la Billboard Hot 100, Wolfgang Amadeus Mozart è l’artista che ha venduto di più nel 2016. In vetta alla classifica che di solito vede primeggiare vere e proprie icone della storia del rock mondiale o miti pop, da Elvis a Madonna, dai Beatles a Lady Gaga, c’è il compositore austriaco, la cui musica sopravvive ai secoli, alle mode e alle tecnologie.

Buon compleanno Amadeus!

Il prossimo 27 gennaio, in occasione del 261° anniversario della sua nascita, l’Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma dedicano uno straordinario concerto ad alcune delle opere e sinfonie più significative di Mozart.  Sul palco a dirigere i maestri d’orchestra, il direttore e pianista Antonio Pappano, mentre a dare voce alle arie di Amadeus la mezzosoprano Cecilia Bartoli. Un curriculum incredibile il suo che farebbe impallidire anche la più navigata e talentuosa rockstar: dieci milioni di dvd e cd venduti nel mondo, tra i numerosi premi vinti 6 Gramophone Music Awards (gli Oscar della musica classica!) e 5 Grammy Awards.

Il programma del concerto

La serata di venerdì, che si terrà presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, prevede un susseguirsi di arie e sinfonie celebri:

Exultate Jubilate K.158a
Ave Verum Corpus K618
Misericordias Domini K222
Vesperae solennes de Confessore K339: Laudate Dominum
“Ch’io mi scordi di te” K505
Sinfonia n. 31 “Paris”K300a
“Chi sa, chi sa qual sia” K582
Concerto per Arpa e Flauto K299: II movimento
La Clemenza di Tito: “Parto, parto” K621
Sinfonia n.41, K551 Jupiter: IV movimento

Stendhal tra i i biografi di Mozart

Prima di diventare l’autore di opere come Il Rosso e il Nero e La Certosa di Parma, a 32 anni lo scrittore francese debutta nella letteratura con le biografie di tre dei grandi artisti, pubblicate nel 1814 con un titolo lunghissimo, Lettere scritte da Vienna in Austria sul celebre compositore J. Haydn, seguite da una Vita di Mozart e da Considerazioni su Metastasio e lo stato attuale della musica in Francia e in Italia . E proprio Mozart  fu per Stendhal il suo più grande amore musicale,  anche più di Cimarosa, una vera e propria passione che mai lo abbandonò. Così scrisse:

“Un pittore, volendo una volta adulare Cimarosa, gli disse di considerarlo superiore a Mozart. Al che l’italiano, con vivacità: ‘Che direste voi a chi vi dichiarasse che siete più grande di Raffaello?'”.

La biografia di Stendhal nel nostro catalogo

NeoClassica ha  ripubblicato l’opera di Stendhal in una traduzione rivista e aggiornata da Marina Minucci, preceduta dall’introduzione di Alessandro Arbo e da un ricco apparato bio-bibliografico.

Torna alle News